Stampa

LA STORIA DELL'INTIMO

LA STORIA DELL'INTIMO

 

ico.gif ... Biancheria intima o lingerie (il termine francese lingerie deriva da linge che significa “di lino”) definisce l’insieme di elementi di vestiario indossati sotto i vestiti.

ico.gif ... Con biancheria intima (o intimo) si indicano tanto i capi femminili quanto capi maschili, mentre il termine lingerie di solito viene riservato ai capi prettamente femminili e particolarmente ricercati.


image_storia_intimo.jpg

L A   S T O R I A   R I C O R D A   C H E :

ico.gif ... Anche il popolo romano, come testimoniano le costruzioni adibite a terme e palestre giunte fino a noi, teneva in grande considerazione la cura del proprio corpo, che lavava, profumava, massaggiava, e allenava quotidianamente. L’intimo maschile era costituito dalla subcula o tunica interior, sotto la quale, a volte, si indossava il supparum a protezione delle gambe e il subligaculum (anche per le donne), un pezzo di lino passato tra le cosce e allacciato intorno alla vita, usato soprattutto da ballerine e atleti, mentre matrone e senatori non indossavano nulla sotto la tunica ; si narra, a tale riguardo , che Cesare, cadendo sotto le coltellate dei nemici, abbia stretto a se la toga in un ultimo gesto di pudore. Gli uomini non tolleravano la vista dei seni troppo grandi o, peggio ancora, flosci e cadenti (che gli ricordavano i costumi delle donne barbare), quindi le signore adottavano tutta una serie di accorgimenti atti allo scopo: il mamillare era una fascia di cuoio che serviva per appiattire e contenere la crescita, lo strophium, come gli odierni reggiseni criss-cross, sosteneva senza comprimere, mentre, se di seno ce n’era veramente troppo, si ricorreva al cestus, un corpetto di cuoio morbido, o addirittura ad una specie di corsetto, che dall’inguine, arrivava alla base del petto ( il mito narra che fu Venere ad inventarlo e a consigliarlo a Giunone, notoriamente prosperosa, alla quale si deve l’aggettivo giunonica).

ico.gif ... Tutti questi accessori suscitavano negli uomini una forte carica erotica, da qui la nascita del culto feticista per alcuni oggetti. Le popolazioni germaniche, i cosidetti barbari, avevano usi e costumi molto rudi e arcaici. Per quel che riguarda la biancheria intima di questi popoli, frammentarie sono le documentazioni giunte fino a noi: in genere non portavano nulla che assomigliasse alle odierne mutande, perchè visto che usavano i pantaloni, le giudicavano superflue. i Goti indossavano a pelle, una tunica bianca, mentre risulta che i Longobardi usassero un indumento a protezione dei genitali e, addirittura, camicie per la notte.

ico.gif ... Fonte : http://it.wikipedia.org/wiki/Intimo